Odio l’oidio

maggio 12, 2011 § 1 Commento

Belle le due salvie sul davanzale. Ma forse non si notano le macchie bianche che infestano le foglie: oidio. E’ dal primo anno che ci perseguita, con una piantina di calendula comprata dal fiorista. Quell’anno abbiamo visto soccombere cetrioli rampicanti e zucchine. Quest’anno..la salvia?
L’oidio (mal bianco, nebbia, albugine) è una malattia causata da un genere di funghi e quelle macchie bianche che vediamo sulle foglie, sui germogli o sui frutti, sono proprio le loro spore.
Sintomatologia: macchie di feltro biancastro e lanuginoso sulla superficie delle parti intaccate, decolorazione dei tessuti, necrosi e quindi disseccamento (nel caso di foglie) e spaccature (nel caso di parti carnose come i frutti).
Per prevenire l’oidio (sia in agricoltura tradizionale che biologica, seppur in minor quantità) viene usato lo zolfo. Tra i rimedi naturali casalinghi invece ci vengono proposte varie soluzioni tra cui aglio, cipolla ed equiseto.
Siccome preferisco parlare solo di cosa che conosco, ecco la mia esperienza con l’equiseto.

Il decotto di equiseto!

Intanto qualche foto segnaletica dell’attaco fungino in questione..


Tag:, , , ,

§ Una risposta a Odio l’oidio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Odio l’oidio su Un nano di giardino.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: